Stasera in TV 2ª Serata Film in TV Anticipazioni APP Domani in TV Domani in TV 2ª Serata
sono innocente rai 3

Sono innocente Rai 3

Sbarca su Rai 3 un nuovo programma di inchiesta intorno al quale numerose sono le aspettative e le curiosità. Parliamo di sono innocente che verrà trasmesso a partire dal 7 gennaio 2017 in prima serata sul terzo canale nazionale.
L’obiettivo dei produttori e del programma è quello di raccontare storie di persone che si sono trovate a dover affrontare situazioni di ingiustizia giudiziaria. Anni passati tra corridoi di tribunali, rinvii a giudizio e nottate passate insonni pur sapendo di non aver commesso nessun reato.
Particolare attenzione verrà posta al lato umano delle vicende, con numerose interviste alle famiglie delle vittime di queste storie talvolta veramente strazianti.




Chi ridarà la dignità a queste persone? Nessuno sarà in grado di restituire il tempo perso, gli anni di vita letteralmente buttati. Non esiste risarcimento in denaro sufficiente per poter sopperire a certe umiliazioni, questo è il pensiero della quasi totalità dei protagonisti del programma Sono innocente.
Trasmissione sicuramente interessante, di argomento non banale e di semplice, che offre numerosi spunto di riflessione. La conduzione della trattazione di un argomento così delicato verrà affidata all’abile conduttore Alberto Matano

Puntata sabato 14 gennaio

Alberto Matano questa sera porta in prima serata la storia di Giuseppe Gullotta, sotto accusa per la morte di due carabinieri. Subito dopo vedremo la storia di Vittorio Raffaele Gallo, anche lui sotto accusa per delle rapine che sono state portate a segno nell’ufficio postale dove lavorava

Puntata sabato 4 febbraio

Nuovo appuntamento con Sono innocente e Alberto Matano che ci parlerà della storia di Anna Maria Manna che ha trascorso 15 giorni in carcere con l’accusa di pedofilia. Subito dopo la trasmissione si focalizzerà sul caso di Antonio Lattanzi che ha trascorso 83 giorni in carcere con l’accusa di tentata concussione.

Critica

Storie
Conduttore

Buona trasmissione di Rai 3 di denuncia e non solo. Da vedere per scoprire almeno le potenzialità.

User Rating: 3.48 ( 6 votes)

23 Commenti

  1. Amedeo Forastiere

    Ho una storia, meglio dire una esperienza di ingiusta detenzione 11 mesi 334 giorni, vissuta da me in Germania 2010/2011. Vorrei raccontarla se può interessare. Contattatemi per i dettagli. tel. 3280969098

  2. Sono di Venezia ho avuto una ingiustizia penale .. Mi piacerebbe raccontate la mia storia . Una storia complica mediatica .. Nn so come contattare la redazione cordiali saluti . Barbara

  3. Trasmissione molto interessante, spera venga seguita e faccia molti ascolti perche purtroppo di storie allucinanti di ingiustizia in Italia ce ne sono parecchie e vanno “pubblicizzate” per denunciare la situazione. Forse così chi di dovere starà più attento a sbattere in galere gli innocenti e a rovinare loro la vita per sempre. Anche perché la stampa non ci pensa due volte a scrivere menzogne sui presunti accusati compromettendo cosi la loro reputazione per sempre… purtroppo la gente che non ci è passata crede a tutto ciò che viene scritto…poi salta fuori dopo anni che gli arrestati erano innocenti ma intanto il danno è fatto è quella persona è rovinata x sempre. Spero davvero che la gente segua la trasmissione e che si renda conto di quantessere persone purtroppo sono vittime di gravissime ingiustizie.

    • Approvo ciò che dice, signora Paola. Non ci sono parole per descrivere i danni che subiscono le persone accusate ingiustamente. Anche io sono una vittima, non accetto ciò che mi è successo ma ancor meno non accetto il giudizio della gente che crede ai giornali e che non dubita…. E’ ora di smetterla di credere a tutto cio che scrivono i giornali, gettano fango sulla prima storia che sentono senza sapere come sono andati realmente i fatti ed intanto causano ulteriori danni alla persona. Quanti casi potrei citare???? Tortora… Sollecito …. e tanti altri che non vengono pubblicizzati . Nessuno chiede scusa pubblicamente alle persone danneggiate e rovinate. E’ davvero uno schifo. Sì, giusto, questo programma “sono innocente” spero anche io che venga seguito, che abbia un indice di ascolti alto. Così forse la gente inizierà a farsi qualche domanda ….

  4. All’attenzione del dr.Alberto Matano
    Buongiorno sono uno psicoterapeuta che segue la sua trasmissione. Nell’ esprimere i miei più sinceri complimenti per il lavoro svolto, vorrei fare alcune osservazioni in merito all’ultima trasmissione del 14 gennaio.
    Sono stato colpito quando lei riferisce il signor Gallo, che, dopo questa trasmissione forse qualcosa cambierà… Cambierà nel momento in cui, come già sottolineato da altri telespettatori, le istituzioni cominceranno a rendersi conto che la vita di una vittima, perché solo così può essere chiamata, purtroppo, di ingiustizia, dovuta alla lentezza delle procedure giudiziali, è rovinata per sempre, come nel caso del signor Gallo, al quale, a mio avviso, come a molti altri protagonisti di drammatiche vicende, spetterebbe un elevato risarcimento, per aver subito, per più di tre lustri, come mi pare di aver capito, danni morali, famigliari ed esistenziali.
    Tanto più che il signor Gallo ora versa in una situazione di grave precarietà economica. Queste situazioni dovrebbero essere oggetto di discussione in ambito parlamentare, per una proposta di legge al fine di tutelare la vita dei soggetti vittime ingiustizia, quando si sono rivolte alla Magistratura per avere giustizia.
    La ringrazio ancora dell’attenzione e, speriamo che tutte le situazioni esposte possano trovare un risarcimento, come già detto .

  5. Nicola Passariello

    Mi chiamo Passariello Nicola vivo in Guarene d’alba (CN). ho visto la vostra trasmissione del 14-01-17 SONO INNOCENTE avete mandato un servizio di ingiustizia del Sig. Vittorio Raffaele Gallo, Postino di Roma Vorrei aiutarlo dandogli un tetto un bilocale arredato di mia proprietà sito nel comune di Canale (CN).

  6. Sono una madre disperata ,perche ‘ sto facendo vivere un’ingiusta detenzione a mio figlio per salvarlo dal male che avrebbe potuto farsi e’ farci ,a causa di una pisicosi d’abuso di sostanze ,abbiamo chiesto aiuto agli ospedali medici ma tutti si sono rifiutati di eseguire un tso ,pur avendo in mano la diagnosi del suo disturbo ,questa e’la nostra italia ,mi sono macchiata di una colpa che mi sta’ uccidendo ,datemi voce perche’ le istituzioni non possono giocare con le vite umane ,mio figlio e’ in carcere e’ nessuno sta’ curando il suo malessere , mi dicono che sta’ bene ma non e’ cosi ,ho bisogno di parlare con qualcuno per parlarvi approfonditamente del mio dramma,

  7. stefania venturini

    Gentile Redazione,

    seguo con interesse il Vostro programma.

    Vedo che le Vostre storie riguardano persone che sono andate in carcere, ma che ne sono uscite da innocenti.

    Il nostro paese pullula di persone che sono state coinvolte in vicende giudiziarie assurde e, pur non avendo subito l’onta del carcere, hanno patito e speso fortune per difendersi in processi assurdi.

    Questo è il mio caso.

    Qualora il vostro programma, in futuro, dovesse occuparsi anche di storie come la mia, mi piacerebbe sottoporla alla Vostra attenzione.

  8. Caporosso Maria Concetta

    Mio padre ha purtroppo scontato innocentemente 26 anni di Carcere, questa ingiustizia lo ha portato su di una sedia a rotelle risarcito già dal ministero di grazia e giustizia….Ma la giustizia vera ancora nn c’è stata.Oggi deambula con dei bastoni canadesi e la cosi detta legge non soddisfatta del male fatto in passato continua a perseguitarlo. Ora vuole la sua giustizia e sta facendo di tutto per riaprire il processo che lo ha reso per la legge una persona che non è mai esistita per la procurare un personaggio di comodo. Vorrei contattare la vostra Redazione per far luce finalmente sulla verità.

  9. brusaferro Lanfranco

    Mi chiamo Lanfranco Brusaferro, faccio parte della famiglia “SONO INNOCENTE”. Nel 1994 vengo arrestato con l’accusa di “associazione a delinquere armata di stampo mafioso finalizzata al traffico di armi e droga (416 bis)” con me venne arrestato anche il Sindaco del mio paese e altre 82 persone, con avviso di garanzia ad altre 107 persone. Mi faccio 70 giorni di carcere e dopo un anno io e il Sindaco veniamo assolti. In seguito ho saputo che tutti gli indagati sono stati assolti. Questa storia causò la mia rovina finanziaria (dovetti chiudere la mia attività) molto peggio le conseguenze di questa vicenda di malagiustizia furono per l’amico Renzo Spadon (il Sindaco), che ne morì di crepacuore.
    Sulla storia ho scitto un libro INNOCENTI VITTIME

  10. Alessandra Gagliardi

    La storia che vorrei raccontare è di mio padre un medico, la storia e’ successa poco prima del caso Tortora. Un brutto scherzo, un disastro familiare

  11. Buonasera sono Gerardo imprenditore…sono molto colpito dalla facilità con qui si va incarcere …sapendo che molti stranieri vengono colti sul fatto o filmati X furti e rapine e non fanno un giorno di carcere..come è possibile tutto questo..

  12. Vorrei tanto che la prossima edizione fosse incentrata un po’ piu’ sulla tragedia che devono sopportare i familiari che si trovano fuori. E c’è ancora qualcuno che pensa che la giustizia sia giusta e se qualcuno finisce in galera forse in fondo se lo meritava.
    Ma chi e’ fuori deve subire un autentico ostracismo, uno shock per chi si trova adolescente o bambino mentre vede il proprio padre o madre in manette.

  13. La vostra trasmissione è utilissima e interessante manca una concreta possibilità di contattarvi al fine di mettere in luce anche, dico anche gli abusi che a volte deliberatamete compiono magistrati che a titolo personale ignorano la legge per affermare in maniera del tutto indebita “La legge sono io”, se veramente intendete offrire un servizio date alla gente la possibilità di contattarvi perché vi sono casi come il mio nei quali l’ingiustizia regna sovrana.

  14. Buona sera .mio marito e stato accusato i giustamente e stato in carcere abbiamo un incubo. Allora avevo un bambino che aveva solo 3 anni .andare a trovare mio marito in carcere e più nn solo gli arresti domiciliari i carabinieri e poliziotti venivano in qualsiasi ora della notte e del giorno un incubo vero e proprio e nn solo ha perso il lavoro ma la sua vita la nostra vita familiare la dignità di un uomo che ha sempre lavorato anzi poco più che una ragazzo perché allora mio marito aveva solo 23 anni ….vorrei che questa storia venisse pubblicata. Anche perché poi mio marito e stato assolto a formula piena per nn aver commesso il fatto .grazie x dare l’opportunità a tutti di poter gridare la propria innocenza al mondo

  15. Seguo la trasmissione, “Sono innocente”, con particolare sofferenza: per quaranta anni ho vissuto il dramma delle persone innocenti, arrestate, a volte addirittura per omonimia, o con una spaventosa superficialità; ho sperimentato, anche sulla mia pelle, la drammatica impotenza della persona innocente, dinanzi all’accanimento inquirente,che sovente sfocia in una vera e propria persecuzione giudiziaria.
    Molti purtroppo non hanno resistito all’onta della dell’ingiusta detenzione
    Ma proprio dal grigiore delle carceri, ho visto spesso risorgere la vita, la speranza: dalla dissociazione dal terrorismo, o da organizzazioni criminali, per finire col recupero di tanti ragazzi, finiti nel buio tunnel della droga.
    Dopo un quarantennio di servizio, come direttore e dirigente delle carceri, ho voluto dar voce a chi è rimasto nel silenzio. Da qui il titolo del libro, “Una Voce dal Silenzio” ed. Europa 2015.
    La mia è una dovuta testimonianza di chi ha assistito, ha vissuto tanti drammi.
    La voce è quella dei protagonisti,nei lunghi colloqui serali, nei quali ho colto spesso un’umanità, viva, profonda, che io, seppure temprato dalle avversità della vita, non avrei mai immaginato.

    • Buonasera, credo che la trasmissione ” sono innocente” sia utilissima per divulgare informazione e consapevolezza sulla situazione che c’è in Italia nella gestione di casi di “giustizia” tanto delicati quanto meritevoli di attenzione, discorso stampa a parte. Di riflesso viviamo un tale disagio con un familiare arrestato ed in attesa di giudizio. Ho scoperto la trasmissione casualmente e credo che debba essere maggiormente pubblicizzata. In questi ultimi venerdì non sono riuscita ad intercettarlo è possibile sapere se viene ancora mandata in onda?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.