Stasera in TV Seconda serata Film in TV APP
amy winehouse

Amy Winehouse a sei anni dalla morte

A sei anni dalla morte di Amy Winehouse un servizio che andrà in onda il 23 Luglio su Rai 4 ricorderà la cantante, la sua vita e gli eccessi fino alla sua morte. Amy Winehouse è stata trovata morta il 23 luglio del 2011 a Londra ed è stata una cantautrice di grande talento ma anche una effervescente stilista e produttrice discografica. La giovane ha debuttato nel mondo della musica nel 2003 con un album pubblicato per l’etichetta discografica Island. L’album di debutto si chiamava Frank e da subito ebbe un buon successo di pubblico e critica. Ma il vero successo per Amy arriva nel 2007: il secondo album, Back to Black, ottiene un successo mondiale e singoli come Rehab, Love Is a Losing Game e l’omonima traccia Back to Black scalano le classifiche portando Amy al successo internazionale. La cantante vinse cinque Grammy Awards.

Una vita fatta di eccessi

Purtroppo la vita di Amy non è stata semplice e la cantante non ha mai nascosto di sottoporsi ad eccessi di droga e alcol. La sua vita disordinata e caratterizzata anche da disordini alimentari l’ha fatta soffrire e cadere nella depressione, tanto da ritardare la realizzazione del suo terzo album. Poi la morte è arrivata come epilogo di questa vita che a tratti lei stessa non sopportava, tanto da rifugiarsi nella musica per vincere le sue paure.
Amy Whinehouse era considerata la percorritrice della nuova generazione del soul bianco e a mio parere difficilmente incontreremo in futuro una nuova esponente in grado di superare le sue performance. Il suo ricordo vive oggi più che mai e ascoltando le sue canzoni ci si accorge che Amy non potrà mai essere dimenticata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.